Fulminacci

I Nostri Corpi

Fulminacci

I Nostri Corpi testo

Nel mondo siamo troppi stiamo stretti
Il sole brucia e già ci siamo spenti
Perché dormiamo storti sotto i tormenti
Il sonno come tutti premia troppi contendenti
Ci facciamo i complimenti ma stringiamo i denti
Facciamo finta di essere parenti
Chiamiamo per nome i nostri genitori e per variare
Chiamiamo fratelli i nostri conoscenti

I nostri corpi sono solo involucri costosi di qualcosa che non ha importanza
La vita è solo la manutenzione di una circostanza
Quindi mi arrotolo la sesta pausa della sera
Sperando che nessuno vada via
Com’è forzata questa pallida presenza
Com’è lontana casa mia
Com’è forzata questa debole presenza
Com’è lontana casa mia

La notte siamo franchi facciamo patti
Salviamo in bozza cinque o sei progetti
Vorremmo essere pochi se siamo tanti
Vorremmo essere svegli se siamo stanchi
E alla mattina alzarsi con la delusione
Che non è più l’ora giusta per la colazione
E i nostri dubbi scrivono la nostra storia di finzione
E avere un dubbio lascia il beneficio dell’indecisione

I nostri corpi sono solo involucri costosi di qualcosa che non ha importanza
La vita è solo la manutenzione di una circostanza
Quindi mi arrotolo la sesta pausa della sera
Sperando che nessuno vada via
Com’è forzata questa pallida presenza
Com’è lontana casa mia
Com’è forzata questa debole presenza
Com’è lontana casa mia