Achille Lauro

1990

Achille Lauro

album:

1990 (2020)

1990 testo

Yeah, yeah, yeah
Yeah, yeah
Darararirararara
Darararirararara
Darararirarararararira
Dararirarararara

Lei vuole perdersi
Lei che ha il cuore di pezza sì
Dice: ”Strappalo ed incendiami”
Questo amore è farsi a pezzi sì
Come amarsi fosse possedere te
O fosse avere
O sia ossessione per te
Fosse morire con me su un cabriolet
Dolci sofà
Stanze di hotel

Darararirararara
Darararirararara
Darararirarararararira
Dararirarararara

Darararirarararararara
Darararirarararararara
Darararirarararararara
Darararirarirarira

Non chiamarlo amore,
non chiamarlo tradimento
Non chiamarlo passione
Non chiamarlo neanche sesso
Non chiamarlo delusione
Ma non chiamarlo sentimento
Non chiamarmi “amore”
Non richiamerò, prometto
Non la chiamo confusione
Tu non lo chiamerai sospetto
Non la chiamerò oppressione
Tu non lo chiamerai disprezzo
Non chiamarla esitazione
Non lo chiamerò dispetto
Non lo chiamerò rancore
non chiamarlo fallimento

Darararirararara
Darararirararara
Darararirarararararira
Dararirarararara

Darararirarararararara
Darararirarararararara
Darararirarararararara
Darararirarirarira

Io no, io no, io no
Io no, io no
Io non dirò che muoio, no
Per lei, io no
Per lei, io no
Io non dirò che muoio, no

Darararirarararararara
Darararirarararararara
Darararirarararararara
Darararirarararararara
Darararira

Darararirarararararara

Sì è solo una poesia per te
Non sai niente di me
L’inferno che è in me
Non c’è amore, non c’è fine, non ci sei
Che poi è solo quello che per te vorrei

Nanananinanana